Situazione Patrimoniale

Ho autorizzato il Senato a rendere disponibili anche on line le informazioni relative al mio stato patrimoniale e ai miei redditi. Ricordo che la pubblicazione on line è facoltativa mentre è obbligatorio fornire tutta questa documentazione alla Camera di competenza. Cosa che nel mio caso è puntualmente avvenuta fin dall’elezione.

Devo altresì ricordare che il Senato mette a disposizione della stampa una nota riepilogativa per ogni senatore con gli aggiornamenti di anno in anno.

Comprendo ,tuttavia, che in fase di campagna elettorale crescano le esigenze di trasparenza e di fruibilità delle informazioni.
Per quanto mi riguarda devo aggiungere che, nei dieci anni precedenti alla elezione, ricoprivo la carica di Presidente della Camera di Commercio di Bologna e fin da allora tutti i mei redditi nonché le eventuali variazioni patrimoniali venivano rendicontate ad apposito ufficio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Sono quindi quattordici anni che la mia posizione è pubblica e per tutti i redditi ,anche per quelli derivati da attività professionali o lavorative private. Ho autorizzato il Senato alla pubblicazione on line e in quella sede è rinvenibile la documentazione completa. Di seguito una sintesi.

Redditi lordi relativi agli anni :
2007 :  408.142.00
2008 : 270.749.00   ( data elezione al Senato il 29 aprile 2008)
2009 : 135.553.00
2010 : 115. 930.00
2011: 112.658.00

Dalla data di elezione mi sono dimesso da Segretario Generale della Cna, da Presidente della CCIAA di Bologna e da ogni altra posizione professionale o incarico, per svolgere esclusivamente l’attività di Parlamentare.
La mia situazione patrimoniale mi vede comproprietario, con mia moglie, di due case, una a Roma ( acquistata nel 2003 ) e una a Varena (TN) acquistata nel 2000.

Nessuna variazione, significativa ai fini della rendicontazione richiesta dal Senato della Repubblica, è intervenuta nel portafoglio titoli riportato sul sito ufficiale.

Documentazione patrimoniale integrale pubblicata sul sito del Senato