SIGARETTE ELETTRONICHE: IL MEF FACCIA CHIAREZZA

23 aprile 2014 | Di | Categoria: Notizie

Con un’interrogazione presentata in Aula al Senato ho chiesto al Ministro Padoan di riconsiderare la proposta che riduceva l’imposta di consumo per le sigarette elettroniche dal 58,5% al 25% del prezzo di vendita sui soli liquidi o ricariche delle stesse. Ho deciso di rilanciare quella stessa proposta che, qualche mese fa, era stata approvata in Commissione Bilancio del Senato, nel corso dell’esame della Legge di Stabilità, come emendamento a mia prima firma e che, tuttavia, è poi stato inspiegabilmente depennato dal testo del maxi emendamento presentato in Aula dal Governo e licenziato con il voto di fiducia. In commissione avevo sottolineato come il mentenimento di una tale imposta di consumo avrebbe causato una crisi irreversibile del settore.

Lo scorso due Aprile, sulla questione della maxi-tassazione è intervenuto il Tar che ha sospeso con un’ordinanza tale imposta, definendo la norma ‘irragionevole’ e rinviandola alla Corte Costituzionale per ragioni di legittimita.

Allora come oggi, il Ministero dell’Economia e delle Finanze non ha fornito dati reali sul mercato delle e-cigarette, nè risulta che abbia incassato alcunchè, per questo ho voluto anche chiedere conto al Ministro Padoan del Dipartimento del Suo dicastero all’epoca incaricato di svolgere l’analisi sull’impatto dell’imposta sul mercato della sigaretta elettronica, nonchè di avviare una consultazione con le principali associazioni del settore.

Testo integrale dell’Interrogazione e-cig

 

 

 

del.icio.us

I commenti sono chiusi